Correva l'anno 1996...

Ritratto di Giacomo Barbieri
Il sito idscweb.com come appariva nel 1999

Se il mondo va avanti veloce, il web vola.
Da quando abbiamo inaugurato il nostro primo sito, nel lontanissimo 1996, le tecnologie si sono evolute al punto che rivedere quelle vecchie pagine web non può che far sorridere e aprire alla nostalgia.
Con gli occhi smaliziati di chi è abituato al web di oggi quelle pagine appaiono così dannatamente sgraziate, monotone, sciatte, in una sola parola brutte, che verrebbe la tentazione di disconoscerne la paternità. E invece è proprio da quella storia che è giusto partire se vogliamo far valere i galloni della nostra anzianità nel settore. Oggi è troppo facile costruire un sito per non guardare con orgoglio alle prime liti con HTML, ASP, CSS e mille altri strumenti che in ventanni di vita online abbiamo nostro malgrado dovuto imparare ad addomesticare.

Finalmente è giunto il momento di varare la quinta generazione della nostra "casa" virtuale.
Non potevamo proprio più aspettare. Il 2015 è l'anno in cui l'accesso al web da dispositivi mobile ha superato l'accesso da computer tradizionali, e il nostro vecchio sito soffriva troppo. Senza trascurare il fatto che i motori di ricerca, Google in testa, hanno deciso di penalizzare i siti che non mobile-friendly. E devo dire che fanno bene.
Il risultato che proponiamo non è sicuramente il migliore dei siti possibili, ma ci pare di poter dire che sia quanto meno decoroso. Abbiamo rinunciato all'introduzione di qualche funzionalità all'avanguardia per non tardare oltre la data di rilascio, cercando di privilegiare la fruibilità dei contenuti da parte dei visitatori e stimolare l'interazione.

La necessità di riorganizzare i contenuti ci ha portato alla decisione di distinguere tre sezioni principali: una dedicata alla classica presentazione delle schede servizio, una sezione "proposte" nella quale cercheremo di presentare progetti che per loro natura coinvolgono competenze diversificate, ed infine una sezione "blog", in cui affronteremo con un taglio informale i temi che ci sono più cari.

Siamo a disposizione per suggerimenti e critiche su come migliorare. Perché, sia chiaro, il nostro obiettivo è migliorare insieme.